Konrad
Arte e storia Diritti umani

La Turchia dopo il fallito colpo di stato

a cura di Giuliano Prandini

Alcuni dati da Amnesty International

Turchia 1

Secondo il governo turco, durante il fallito colpo di stato del 15 luglio sono state uccise 208 persone, i feriti sono stati oltre 1400. Ma i numeri delle vittime della violenta repressione in atto sono molto più alti,  in continuo aumento.

Al 28 luglio la situazione era la seguente:

  • oltre 15.000 persone arrestate
  • oltre 45.000 persone sospese o rimosse dall’incarico (giudici, procuratori, funzionari di polizia…)
  • spiccati 89 mandati di cattura nei confronti di giornalisti e, alla data del 26 luglio, oltre 40 giornalisti erano agli arresti. A decine di giornalisti è stato ritirato l’accredito-stampa
  • bloccati 20 siti Internet e chiusi 131 organi d’informazione tra cui 3 agenzie di stampa, 16 canali televisivi, 23 stazioni radio, 45 quotidiani, 15 periodici e 29 case editrici
  • 1000 scuole private chiuse e 138.000 alunni dovranno trasferirsi nelle scuole di stato
  • i detenuti a Istanbul e Ankara costretti a rimanere fino a 48 ore in posizioni che provocano dolore fisico. Privati di cibo, acqua e cure mediche, insultati e minacciati e, in diversi casi, sottoposti a brutali pestaggi e a torture, tra cui lo stupro.

    La durata dello stato d’emergenza imposto il 20 luglio è di tre mesi, durante i quali il governo può agire tramite decreto senza voto parlamentare; è stata “sospesa” la Convenzione europea dei diritti umani (anche se l’articolo 15 della Costituzione turca vieta la sospensione).

    In un paese che viola sistematicamente i diritti umani preoccupa la situazione di rifugiati, richiedenti asilo, migranti in relazione all’accordo tutt’ora valido che l’UE ha sottoscritto con la Turchia, considerata paese terzo sicuro.
    Amnesty chiede con forza che i crimini commessi durante il tentativo di colpo di stato vengano investigati e i responsabili portati di fronte alla giustizia. I diritti umani devono comunque essere difesi e mai ignorati o sospesi.

Related posts

Il Museo dell’Altro e dell’Altrove. Integrazione e autogestione a Roma

Fabiana Salvador

Dante’s Barge

Fabiana Salvador

Florilegio. Natura e arte contemporanea

Fabiana Salvador

Leave a Comment