Konrad
Konrad dei piccoli Società e Diritti

Il sogno per Trieste di Giulia

NOI SIAMO IL FUTURO

Giulia CANTE V C
Scuola Primaria Dardi IC Divisione julia.
Insegnante Ezio Marzi

Disegno di Vittoria Blasig
Disegno di Vittoria Blasig

Io vorrei cambiare il contenuto delle scuole ed alcune cose in città; vorrei cambiare il menù della mensa e far preparare il cibo da chef non molto costosi ma esperti: mi piacerebbe che il cibo venisse dai produttori della nostra regione.

Vorrei aggiungere un grande giardino a scuola per l’area ricreativa con un campo da basket, calcio e pallavolo in modo da poterci giocare.  Vorrei che ogni classe avesse i muri colorati dai bambini e dai ragazzi  però a modo loro.

Vorrei che non ci fossero i bulli e che tutti si volessero bene.

Mi piacerebbe che le strade fossero sempre pulite e tutta la gente fosse sincera con se stessa e con le persone a cui vuole bene. Vorrei anche che ci fossero dei luoghi  dove aiutare i vagabondi senza tetto per non farli ammalare.

Vorrei che lo smog diminuisse. Vorrei che i politici smettessero di peggiorare la situazione  mettendosi d’accordo.

Vorrei che le industrie smettessero di inquinare e che ci fossero più controlli. Vorrei che tutti i bambini smettessero di giocare ai videogiochi e giocassero tra loro ed anche che iniziassero a rendersi conto che là fuori il mondo è in pericolo e non dire: “Ha, ha! Che ridere che fanno quelli; tanto a noi non potrà capitare!” Perché anche a noi potrebbe capitare, ma ancora una cosa importante non hanno capito: NOI SIAMO I BAMBINI DEL FUTURO. Se non facciamo qualcosa potrebbero esserci conseguenze catastrofiche e il mondo cesserebbe di esistere così come lo conosciamo.

Related posts

La narrazione tossica di Expo

Redazione KonradOnLine

Gli irrinunciabili libri 2015

Redazione KonradOnLine

Il sogno per Trieste di Nati per Leggere

Redazione KonradOnLine

Leave a Comment