Konrad
Quello che ci portiamo dietro, Ivan Zampar
Ultimi Articoli

Quello che ci portiamo dietro, Ivan Zampar

Vladimir Nabokov definiva cattivi lettori coloro che provano troppa empatia per quello che leggono. È una visione da tenere in considerazione – stiamo parlando pur sempre di Vladimir Nabokov – ma credo che per un lettore immergersi in un libro che parla anche di sé sia un’esperienza molto bella. Anche se non sempre è facile trovare libri che facciano questo effetto. E caso ancor più raro è quando a riuscire in ciò è una raccolta di racconti: come, una serie di storie diverse con luoghi e personaggi diversi, può riuscire a farci immedesimare? Questo è quello che è riuscito a suscitare a Ivan Zampar, con la sua raccolta Quello che ci portiamo dietro, edito da Besamuci ad Aprile 2022.

La raccolta di Zampar comprende nove storie brevi e conta poco più di un centinaio di pagine, ma, nonostante la brevità, l’intensità di queste narrazioni si percepisce sin dal primo racconto. Storie con vari scenari, protagonisti e ambientazioni – anche se il Friuli, terra madre dell’autore ritorna in alcuni di essi. La raccolta ha ben chiaro il filo conduttore che la guida, ed è qualcosa che ci segue in quasi tutti i racconti – forse in qualcuno più di altri; senza prendere mai toni troppo cupi, infatti, la nostalgia è il sentimento dominante che accompagna queste pagine, declinato in differenti forme e in differenti modi, rintracciabili in alcuni filoni: l’amicizia e le relazioni che cambiano con il passare del tempo, la disillusione dell’età adulta contrapposta al sogno giovanile e la memoria in generale, presenza costante che prende accezioni sempre nuove in base alla storia raccontata. La scrittura muta da racconto a racconto, ma possiede in ognuno una la capacità di restituirci immagini nitide e vive: oscillano dall’essere lirica alla brutalità dell’oggettività. In ogni storia però rimane questo modo grazioso di raccontare e mostrare assieme cosa non sempre è presente in racconti tanto brevi, e aiuta a entrare maggiormente in empatia con ogni storia.

Affascinante per me è stato vedere come Zampar ha interpretato il tema della gioventù e del passaggio alla vita adulta, presente in quasi tutti i suoi racconti. In queste pagine si respira la nostalgia della spensieratezza, accompagnata dalla disillusione della vita da adulti e la presa di coscienza che il passato è passato. Quella disillusione tipica delle generazioni di trentenni e quarantenni di oggi, descritta in maniera perfetta dall’autore. Forte è questo concetto nei racconti Vent’anni, Ninna-nanna in 4/4, Patagonia. In quest’ultimo Zampar dice una frase che racchiude il senso di questa carica di malinconia: «È così che gli anni sono passati. D’accordo, eravamo giovani, ma la gioventù alla fin fine è una gran fregatura. Ha davanti a te tutto il futuro del mondo, uno spazio aperto e sconfinato di possibilità, senza punti di riferimento, delimitazioni». O ancora in Ninna-nanna in 4/4 «Tradito? No, non credo che Luca si sia mai sentito tradito. A fregarci, lo sapevamo, era stato il tempo. Il tempo che passa e che, dopo essere stato rigoglioso futuro, appassisce diventando avvizzito presente».

Quelle di Zampar sono pagine dense di emozioni che però riescono sempre a non cadere nello smielato, e ha costruito una raccolta che ha scelto di mettere queste emozioni al centro della sua narrazione, che racconta sfumature e tratteggia i rapporti umani della nostra epoca.

 

Giorgia Chiaro

Related posts

Un futuro nel Portovecchio

Riccardo Redivo

Raccontando… Pietro Grossi

Redazione KonradOnLine

Dal romanzo all’Oscar: un viaggio nel grottesco dentro Poor Things di Alasdair Gray

Giorgia Chiaro

Leave a Comment