Konrad
Poesia e letteratura Ultimi Articoli

Parole per Pino Roveredo

Che cosa dire quando una persona è appena scomparsa, partita senza possibilità di ritorno? È quasi sempre una dichiarazione di banalità, a maggior ragione in questo caso, la morte di Pino Roveredo: si commetterebbe ingiustizia a pronunciare o scrivere parole di circostanza, formali, convenzionali nel parlare di lui.

Pino Roveredo – la sua memoria, la sua impronta – non se lo merita perché, senza giri di parole, credo sia stato uno degli scrittori più genuini degli ultimi trent’anni della letteratura triestina. La genuinità di Roveredo si è sempre ripercossa sui suoi scritti.

La sua scomparsa non può che essere pesante. A noi non resta altro, come sempre, di accettare il fatto, di pensarlo più spesso (per chi ha avuto la fortuna di conoscerlo) e di leggerlo.

L’unica piccola nota personale che mi permetto di fare la faccio per confermare la sua generosità, perché quando poteva, aiutava: riuscii a farmi donare una prefazione a un mio libro ma il modo fu tutto spontaneo, naturale, qualcosa tipo: «Certo, l’argomento mi piace; certo, mi dai fiducia, ti leggo, vediamo se viene fuori qualcosa». Nulla più, ma alla fine, tanto.

 

Riccardo Redivo

Related posts

Il boemo

Riccardo Redivo

Un piccolo inedito per la scomparsa di Merkù

Riccardo Redivo

Tanti saluti da…

Giorgio Dendi

Leave a Comment